Pubblicato da: iltabe | ottobre 28, 2008

Passa colpisce e se ne va

È sempre così:
solo il non poter amare un’altra persona,
il non poterla vedere,
il non poterla toccare..

ti stimola a fare l’unica cosa che puoi fare
ma che non devi:

Pensarla.

Ma tu, sei bravo.
Non lo fai.

Come il riflesso di una luce nella notte
ti appare senza volerlo un fotogramma davanti agli occhi.
Tutta un ora in un istante.
Una bella foto che passa colpisce e se ne va.

E tu ti chiedi perchè ciò accada.
Tu che non la pensi
Tu che non la vedi,
Tu che non la tocchi,

ti accorgi perfortuna di amarla.

Gianluca
29-luglio-2oo8

Annunci

Responses

  1. l’universalità dell’Amore permette a tutti gli innamorati di bearsi di queste tue parole,
    che come un cucchiaio di miele scendono lente lungo la gola a lenire ogni ferita…

  2. beate queste mie parole?

    beato quel cucchiaino
    beato qeul formaggio
    beato quel miele!

    Beato chi lenisce (si disce?) e
    beato chi invece non lo fa:
    Beato chi può pensare
    beato chi può vedere
    beato chi può toccare.

    ed infine

    beatatu!

  3. Beataio
    ..perchè con queste 11 righe
    ritorna il sorriso sul viso dopo un pianto a dirotto che era da 2 mesi che se ne stava nascosto..
    sei meravigliosamente terapeutico.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: